Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Sabato, 30 Maggio
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Rubrica Fisco e Diritto: il medico deve risarcire il danno morale causato dall'impossibilitÓ di avere rapporti sessuali a seguito di un intervento


16-03-2011

Il medico che a seguito di un intervento provoca ad una donna l’impossibilità di avere rapporti sessuali deve risarcire anche i danni morali al marito .Lo ha stabilito la sentenza n.19092, del 2 settembre 2009, della Corte Suprema di Cassazione, terza sezione civile .
La donna aveva subito un intervento riportando una incontinenza urinaria a causa della quale non aveva più potuto avere rapporti sessuali con il marito. I coniugi avevano citato in giudizio il medico chiedendo il risarcimento dei danni subiti dalla donna in conseguenza dell’intervento ed i danni morali al marito. Il Tribunale, a seguito del giudizio nel quale si era costituita anche la Regione, aveva condannato il medico e l’ ASL al risarcimento dei danni in favore di entrambi i coniugi. La Corte di Appello in secondo grado aveva confermato la decisione. Contro la sentenza di appello il medico aveva proposto ricorso in Cassazione, sostenendo che la Corte di Appello aveva omesso di considerare che la paziente all’atto dell’intervento era già affetta da una grave patologia e non aveva tenuto conto della consulenza di ufficio disposta dal giudice. La Suprema Corte di Cassazione , respingendo il ricorso, ha affermato che la sentenza di appello è corretta in quanto ha ampiamente e logicamente motivato in ordine alla responsabilità del medico. La sentenza stabilisce un importante principio in materia di responsabilità medica, prevedendo, oltre al risarcimento dei danni subiti da una donna in conseguenza di un intervento chirurgico, anche il risarcimento dei danni morali al marito in quanto impossibilitato ad avere rapporti sessuali con la moglie. La Suprema Corte Cassazione ha infatti ampliato la risarcibilità del c.d. danno morale, estendendolo, oltre che al caso di morte di un prossimo congiunto, anche a quelle lesioni che impediscono il corretto svolgimento della vita coniugale. Per tale motivo anche il marito, che ha subito un danno indiretto alla propria vita di relazione, ha diritto ad un risarcimento adeguato.
 

 

Dott. Pietro  CUSATI
Direttore Amministrativo Tribunale di Sala Consilina (Salerno).
Giudice Tributario presso la Commissione Tributaria Provinciale di Salerno.
Abilitato all’esercizio della professione forense e all’insegnamento di materie giuridiche ed economiche.
Giornalista-pubblicista.



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro