Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Venerdì, 19 Luglio
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Piano integrato territoriale 133 milioni per 95 comuni


10-08-2004

Si è svolta ieri mattina presso Palazzo Sant'Agostino a Salerno la conferenza stampa di presentazione del Pit (Piano Integrato) del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, approvato dal nucleo di valutazione della Regione Campania con previsione di spesa sul territorio (95 comuni per 320 mila ettari) di 133 milioni di euro, in pratica la somma più consistente di tutti i Pit approvati dalla Regione. Alla presentazione, il presidente dell'ente Giuseppe Tarallo, il direttore Domenico Nicoletti, il presidente della provincia Angelo Villani, gli assessori provinciali Paladino, Giuliano, Cennamo, Martinangelo. A chiudere è stato il vicepresidente della Regione Campania Antonio Valiante. L'idea forza del Pit parco è stata incentrata sul programma di Rete Ecologica per lo sviluppo locale della comunità europea e ha tre obiettivi per i quali sono state destinate le risorse: la tutela della biodiversità nel Parco con progetti naturalistici e ambientali, la tutela delle risorse culturali con il recupero dei centri storici e la promozione di processi di sviluppo sostenibili con il potenziamento della ricettività turistica e delle microfiliere imprenditoriali. Inoltre dal punto di vista operativo il Pit Parco si muoverà in linea con gli altri Pit già avviati (Pit Certosa, Pit Paestum-Velia) nonché con altri strumenti di sviluppo locale (fliera termale, Gal, Porti turistici, Prusst). Il progetto, e basato nella realizzazione sul territorio di una serie di itinerari a tema che costituiscono la Rete Ecologica complessiva. In particolare gli itinerari sono la rete culturale della via Istimica (da Paestum a Padula), una via degli Entri (da Palinuro a Pertosa), un itinerario Magno Greco (da Velia a Paestum), una rete ecologica dei boschi vetusti, una rete dei fiumi, una rete archeologica (da Velia a Prugno di Rocsigno) e una rete dei centri storici. Lungo queste reti tematiche ci saranno dei poli attrattivi, che costitutiscono i progetti principali del Pit. Ad essi si aggiungono una serie di progetti (87 complessivi) già individuati dal tavolo di concertazione dei tecnici e dei sindaci e approvati dal nucleo di valutazione che svilupperanno ognuna delle reti tematiche. I progetti più importanti sono il centro studi per la biodiversità a Vallo della Lucania, un centro di educazione ambientale, il centro per la dieta mediterranea a Pollica, il centro Lontra a Aquara, una scuola di formazione per gli operatori del recupero edilizio a Pisciotta e un centro di competenza dei beni culturali e gli interventi sulla via Istmica. Valiante ha sottolineato che la gestione del Pit deve essere affidata al Parco a patto che questo sia rafforzato, altrimenti sarà lui stesso a chiedere una gestione esterna. Una parte dei 133 milioni saranno destinati ai privati e alle attività imprenditoriali (misura 1.10) che saranno coinvolti per mezzo di bandi pubblici, e alla individuazione di figure professionali, consulenti e formazione. Insomma un progetto destinato a cambiare il volto dei comuni che aderiscono al Parco, una pioggia di euro che potrà rappresentare il decisivo motore di sviluppo di una economia, qualla Cilentana e del Vallo di Diano, ancora lontana dalle prospettive elaborate dal Piano Integrato.

Fonte: La Citta di Salerno



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro