Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Mercoledì, 05 Agosto
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Intervista a Giuseppe Colucci: “Vi spiego perché non mi sono candidato e i motivi della mia alleanza con Gaetano Ferrari”.


18-05-2009

All’indomani della presentazione ufficiale della lista n.2 “Per Sala- Ferrari sindaco”, Giuseppe Colucci spiega le ragioni della sua non candidatura a sindaco di Sala Consilina.

D: Perchè Giuseppe Colucci ha deciso di non candidarsi più alle amministrative a Sala Consilina?
R: E’ stata una scelta motivata da un atto di responsabilità che ho ritenuto insieme al mio gruppo di fare per la mia città. Abbiamo scelto pertanto di sostenere la lista Ferrari per condividere un progetto comune. Si tratta di un progetto che ho avviato con alcuni componenti dell’amministrazione uscente fino al 2004, dal 2004-2009 poi si è affacciata l’amministrazione Ferrari e intendo ora dare il mio aiuto insieme alla mia squadra per il bene di Sala Consilina.
D: Come sarà il programma di Gaetano Ferrari? Cosa vuol dire che sarà al suo fianco ora durante e dopo?
R: Lascio al sindaco Ferrari la facoltà di esporlo in maniera adeguata ma posso anticipare che riguarda l’economia l’area PIP, agricoltura, il centro storico e tutte le diverse aree di intervento. Non sono candidato in lista ma sarò la sua spina nel fianco! Mi ritengo il riferimento dei cittadini, cercherò di essere quanto più incisivo possibile. Con Ferrari ho discusso dei punti programmatici che riguardavano anche il mio gruppo poi confluito nella sua lista e abbiamo condiviso molti punti, come pure abbiamo parlato di alcune cose che non ho condiviso in questi 5 anni e come migliorare determinate azioni amministrative sostenute. Credo che oggi sia necessario lavorare per qualcosa e non per qualcuno, credo che la proposta di altri non sia confacente alle esigenze della città e dei cittadini salesi. Mi sembra poco coerente pronunciare affermazioni riguardanti la mia non candidatura, dette poi in maniera molto leggera. Dire che ci sono stati 15 anni di non amministrazione mi sembra scorretto.
D: Nove di questi hanno riguardato proprio il suo governo.
R: Al di là di un mio riconoscimento o meno, non credo sia consentito a chi è sulla scena politica da oltre 30 anni a livelli istituzionali sovra comunali o di vita politica giornaliera, non credo che oggi si possa dire che non ne ha mai preso parte. Cinque anni fa di questi tempi, sul palco qualcuno ha detto “sono orgoglioso di aver contribuito alla costruzione di questa lista”, oggi questa lista questa amministrazione non gli sta più bene e nemmeno io gli sto più bene. Un atteggiamento da usarsi nemmeno se avessi avuto una mia lista con candidato a sindaco! Penso che l’esperienza maturata da parte del capo della lista avversa, sarebbe stata bene messa a frutto se l’avesse messa a disposizione di altri perché in oltre 30 anni di attività politica, non è evidente alcun progetto politico per il territorio. Noi siamo la classe dirigente, io stesso orgoglioso sono stati tra i sindaci giovani in un periodo molto delicato come la fine di tangentopoli, quando i partiti avevano difficoltà a uscire allo scoperto. Allora ho assunto questo compito a testa alta con gruppi di persone che hanno creduto nel mio progetto.
D:Su cosa batte oggi Colucci?
R: Sono le persone che portano avanti le idee al di là delle appartenenze politiche, i partiti hanno un grande ruolo nelle democrazia nella misura in cui svolgono il loro lavoro istituzionale e indirizzo politico, però sono sempre gli uomini alla basse di tutto. Con Ferrari, ho trovato una condivisione di idee e progetti per Sala Consilina. Ritengo che sia ingeneroso presentarsi alla gente oggi come nuova proposta per il futuro, basta guardare a delle figure che fino a ieri non hanno avuto nulla a che vedere, si sono sempre contrastate su molte cose. Oggi li vediamo insieme, chissà quale collante li tiene insieme! Non credo che questo possa rappresentare il futuro della nostra città e dei nostri figli. Voglio ancora spiegare perché non sono in lista direttamente: perché ho voluto dare maggiore spazio ai giovani, perché loro sono il nostro presente, metto a disposizione la mia persona la mia esperienza maturata per qualsiasi cosa, posso dare un contributo per il futuro della nostra città. Lo faccio per me, per i nostri figli, per i cittadini, così come Ferrari con il resto della squadra.
D: Come risponde alle polemiche sollevatesi sulla candidatura di sei esponenti del suo gruppo, interpretato come un contentino per lei?
R: E’ una decisione a liste quasi chiuse. C’è stata una confusione generale nell’ultima settimana prima della chiusura delle liste, un girovagare dei candidati sui vari tavoli, avevo davvero costruito un ben gruppo di persone serie e spendibili ma alla fine abbiamo deciso di rafforzare la lista Ferrari con altre composizioni. Il mio gruppo è eterogeneo e rappresenta il centrosinistra come il centrodestra. Sono importanti le persone e non soltanto le appartenenze ai partiti, perché ci sono persone capaci al centrodestra come persone capaci al centrosinistra, infatti questa è la vera lista di salute pubblica. Per altri è stato un salire sul carro all’ultimo istante di rappresentanti istituzionali che fino all’ultima notte hanno lavorato per costruire la lista del PdL, forse hanno illuso l’elettorato di centrodestra nel tentativo di costruire una lista e poi alla fine tutto è naufragato lasciando l’amaro in bocca a molti elettori e candidati del centrodestra nonchè il popolo dei gazebo. Alla fine si sono accasate solo due persone, si vede che forse questo progetto è partito qualche tempo fa. Tutto per una motivazione puramente personale, buttando a mare tutto ciò che era stato costruito nel centrodestra. Io e il mio gruppo siamo il riferimento di quelle persone di centrodestra che oggi non trovano un punto di riferimento, possiamo essere i loro interlocutori. Ci sono ora per i cittadini e ci sarò dopo per qualsiasi cosa per realizzare i progetti che abbiamo condiviso.
 
Antonella Citro



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro