Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Venerdì, 20 Settembre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



ASL SA/ 3: XI edizione del meeting internazionale di cardiologia


11-10-2008

 

COMUNICATO STAMPA

 

La XI edizione del “Cuore, oggi e domani”, meeting nazionale di cardiologia che raccoglie annualmente oltre 2000 partecipanti provenienti da tutta Italia, è stata segnata dalla presentazione dei risultati di un anno di attività del Registro R.OS.A. (Registro Osservazionale Sindromi Coronariche Acute). Si tratta di uno studio osservazionale che ha analizzato tutti i ricoveri per insufficienza coronarica acuta nelle 5 Unità Coronariche dell’ASL SA/3, nell’intento di definire in maniera chiara le dimensioni del problema della Sindrome Coronarica Acuta nel nostro territorio, verificare i percorsi dei pazienti, e conseguenzialmente ottimizzare le risposte organizzative ed il trattamento.

La ricerca che ha preso in considerazione 732 pazienti ricoverati per “attacco cardiaco acuto” dal 1 maggio 2007 al 31 aprile 2008, in linea con quanto evidenziato da un’analoga ricerca svolta nell’anno in corso in Campania dall’Associazione Nazionale Medici Cardiologici Ospedalieri, ha evidenziato che:

·        i tempi di ricovero dei pazienti con Sindrome Coronarica Acuta sono abnormemente lunghi, cosa che impedisce di praticare una terapia efficace;
·        una percentuale rilevante di pazienti raggiunge l’ospedale con mezzi propri, senza l’utilizzo del Sistema di Emergenza Sanitaria, con un reale sottoutilizzo del 118;
·         a pochi pazienti sul territorio, prima di raggiungere l’ospedale, viene iniziato il trattamento terapeutico adeguato;
·        una quota importante di pazienti colpiti da infarto muore prima di raggiungere l’ospedale;
·        la terapia trombolitica, in linea con quanto osservato in altre esperienze italiane, si è mostrata in grado di ridurre drasticamente la mortalità quando viene praticata precocemente, ma purtroppo nel nostro territorio manca ancora oggi un’adeguato progetto di “Trombolisi pre-opedaliera”, che per caratteristiche orografiche del nostro territorio medesimo potrebbe rappresentare il trattamento terapeutico più adeguato e rapido;
·        i pazienti che sono stati precocemente sottoposti a coronarografia hanno fatto registrare una mortalità più bassa rispetto a chi non l’ha eseguita
·        la mancanza di una rete integrata di assistenza cardiologica che permetta di coordinare le attività ospedaliere e territoriali, e gestire, creando le adeguate sinergie, l’emergenza cardiologica territoriale.
“La sfida al trattamento del cosiddetto “attacco cardiaco” in fase iniziale –afferma il dottor Giovanni Gregorio direttore del Dipartimento cardio-vascolare della AL SA/3- si combatte innanzitutto in area extraospedaliera e l’abbattimento della mortalità dovuto ai progressi compiuti dalla cardiologia moderna trova un limite nella organizzazione dell’assistenza sanitaria e nella impossibilità di assicurare a tutti i pazienti colpiti da Infarto acuto del miocardio una assistenza adeguata fin dall’esordio della malattia”.
Nel corso del simposio di Paestum è stato consegnato un riconoscimento alla carriera al prof. Attilio Maseri, illustre clinico e attuale presidente nazionale della Fondazione “Per il tuo cuore” a cui aderisco oltre 6.000 cardiologi di tutta Italia.



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro