Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Giovedì, 22 Ottobre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



COMUNICATO STAMPA WWF SALERNO


07-05-2008

COMUNICATO STAMPA
 
Uno degli argomenti di cui spesso si parla e che costituisce motivo di forte contrasto tra il mondo ambientalista e agricolo da una parte e quello venatorio dall’altra, è il ripopolamento degli ungulati (cinghiali) per scopi venatori. Da anni, infatti, questa pratica viene effettuata con esemplari appartenenti al ceppo dell’ Est Europa, caratterizzati da abitudini, accrescimento e tassi di ripopolamento del tutto differenti dal ceppo autoctono (cinghiale italico). Il cinghiale europeo cresce molto più velocemente e si riproduce anche più di una volta all’anno, generando prole numerosa. La sua natura lo costringe dunque ad essere alla continua ricerca di cibo, che sovente sottrae ai campi coltivati provocando enormi danni all’economia, già sofferente, degli agricoltori; di qui il malcontento delle associazioni agricole che non riescono a concepire il motivo per cui si continui ad introdurre questo tipo di animale anche laddove è accertata un’elevata densità di cinghiali.
Il WWF Salerno ha più volte ribadito, in occasione degli appuntamenti del CTFV (Comitato Tecnico Faunistico Venatorio) provinciale, la necessità di evitare i ripopolamenti in zone con un’acclarata densità di cinghiali e, laddove sia necessario rivitalizzare la popolazione di cinghiali per scopi venatori, di farlo con soggetti provenienti da catture eseguite nel Parco Nazionale del Cilento. Infatti, a causa del divieto di caccia, in quest’area protetta si riscontra un’elevata densità di ungulati che causano ingenti danni alle colture locali. In questo modo si otterrebbero due importanti risultati: controllare l’espansione della popolazione di cinghiali nel Parco Nazionale ed effettuare i ripopolamenti, laddove necessario, riducendo i costi d’acquisto degli animali. A tal proposito, la posizione del WWF e delle altre associazioni ambientaliste è stata ferma, tanto da votare contro la decisione di pubblicare l’ennesimo bando per l’acquisto di cinghiali di allevamento.
Purtroppo, le nostre richieste, per quanto sensate e accettate dalle associazioni agricole e dall’opinione pubblica, ad oggi non hanno sortito alcun effetto, probabilmente, ci viene da pensare, perché è molto più facile comprare cinghiali d’ allevamento che organizzare un piano di cattura e ripopolamento, più sostenibile sia dal punto di vista economico che ambientale.
Salerno, 06/05/2008                                                              Ufficio Stampa
                                                                                      WWF Salerno
Resp. Dott. Antonio Cariello



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro