Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Mercoledì, 08 Dicembre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



I cittadini lamentano poca trasparenza relativamente ai nuovi contratti "Enel Energia"


21-03-2008

 
- I CITTADINI LAMENTANO POCA TRASPERENZA RELATIVAMENTE AI METODI UTILIZZATI DA “ENEL ENERGIA” NEL PROPORRE AGLI UTENTI LA STIPULA DEI NUOVI CONTRATTI DI ADESIONE AL MERCATO LIBERO
- VA BENE LA DISTRIBUZIONE GRATUITA DI LAMPADINE A BASSO CONSUMO, MA E’ NECESSARIA ANCHE TANTISSIMA ATTENZIONE SULLE NUOVE CLAUSOLE CONTRATTUALI
 
Chi vive a contatto quasi quotidiano con i problemi delle “persone che fanno fatica ad arrivare a fine mese” (così come si dice da più parti ormai, a volte senza nemmeno sapere cosa ciò voglia veramente dire), si rende ben conto delle difficoltà economiche che i cittadini devono affrontare in questo periodo di crisi economica, che attanaglia le classi sociali più deboli e più esposte alle truffe.
 
Quando le grosse imprese italiane, che operano nel campo della distribuzione dell’energia, ricorrono a campagne di promozione per la diffusione di sistemi innovativi per limitare il consumo energetico oppure per incentivare il risparmio elettrico, a noi sta bene. E quindi sta bene se vengono regalate delle lampadine a basso consumo energetico nell’ultima campagna lanciata da Enel Energia. Come associazione vorremmo fare di più per convincere le persone a consumare una quantità minore di energia elettrica e a ricorrere sempre di più alle fonte rinnovabili. Purtroppo, crediamo che i tempi ancora non siano maturi per un nostro intervento diretto in questi temi. Basti solo pensare che, localmente, nei convegni sulle questioni ambientali abbondano i Soloni, cosicché la nostra presenza potrebbe essere vista semplicemente come una provocazione, per quello che abbiamo da dire in merito a questi temi.
 
Noi ascoltiamo la gente, raccogliamo i loro segnali, giorno dopo giorno. E questo segnale che abbiamo raccolto da ultimo non è tra quelli più tranquillizzanti. Non vogliamo affrontare qui il difficile (e per noi impossibile!) compito di effettuare un’analisi sociologica del comprensorio, eppure ci sembra che gli strumenti che la nostra gente possiede, attualmente, per affrontare un passaggio al “libero mercato dell’energia” non siano di quelli più adeguati. Le persone avranno pensato di aderire a questo nuovo rapporto contrattuale col gestore Enel Energia, possiamo supporre, per ragioni che non sono propriamente legate alla profonda conoscenza dei termini contrattuali che legano l’utente a questo nuovo soggetto. Alcuni, forse, hanno sottoscritto un contratto perché si fidavano di chi proponeva, in buona fede si immagina, questo passaggio, altri perché negli stand pubblicitari si regalavano lampadine a basso consumo e si parlava, in modo forse vago, di risparmio energetico.
 
Il risultato è adesso che una grossa fetta di cittadini, che hanno stipulato nuovi contratti con ENEL ENERGIA, oggi si sono pentiti di questa scelta. Il perché è presto detto: le loro bollette sono più care, se raffrontate a quelle ricevute da ENEL DISTRIBUZIONE, e non solo per via degli ultimi aumenti, ma perché nella stessa bolletta compaiono anche delle nuove voci, come quelle relative alle perdite di energia elettrica sulla rete. E come sempre c’è una morale da imparare in ogni storia come questa: operazioni di questo genere non possono essere fatte ad uno stand dove si regalano lampadine a basso consumo o solo perché vengono proposte da persone in buona fede di cui anche noi ci fidiamo. Queste scelte devono essere fatte in modo consapevole, facendosi lasciare il contratto in visione per qualche giorno, acquistando una lente di ingrandimento per leggerlo integralmente, e alla fine confrontandosi con qualche esperto del settore. E questo vale per ogni tipo di contratto che si voglia sottoscrivere.
Il Responsabile della Sede CODACONS
dott. Roberto De Luca
 



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro