Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Martedì, 20 Aprile
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Alcuni dati evidenziati dai due studi sull’evoluzione edilizia “Evoluzione edilizia e recupero di un patrimonio di risorse” e sui progetti di marketing territoriale per il recupero dei centri storici” Patrimonio edilizio e marketing


02-10-2007

Se dal 1981 al 2001, nel Vallo di Diano l’abbandono dei centri storici è in aumento rispetto ai dati positivi registrati in Regione Campania e in Provincia di Salerno, dal 2000 al 2006 si registra un altro fenomeno: l’incremento delle richieste dei permessi di costruzione nelle aree a valle, ancora libere.

Inoltre, i tentativi di rivitalizzare i centri storici attraverso il turismo, avviati dal 1999 nel Vallo di Diano e nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano non hanno ancora creato un posto letto dei 460 stimati e le previsioni, in base all’attuale stato di avanzamento dei progetti, evidenziano che solo nel giro di 160 anni sarà possibile recuperare gli immobili abbandonati.   

Sono solo alcuni dati, evidenziati dai due studi sull’evoluzione edilizia Evoluzione edilizia e recupero di un patrimonio di risorse” e sui progetti di marketing territoriale per il recupero dei centri storici” Patrimonio edilizio e marketing territoriale: dall’ospitalità diffusa al Work Village”, pubblicatinell’ambito del Progetto del P.I. Certosa di Padula “Agenzia per lo sviluppo del Vallo di Diano: Sviluppo sostenibile nella filiera turistico-culturale”, affidato dalla Comunità Montana Vallo di Diano, all’associazione di imprese Mercury – Leader – Enco e supervisionati dal docente di Statistica presso l’Università di Medicina di Siena, Roberto Gambassi.
 

La prima pubblicazione, a cura di Maurizio Cocilova, punta l’attenzione sull’abbandono dei centri storici nei Comuni del Vallo di Diano. Un’elevata percentuale (pari al 58,7%) di case risulta non utilizzata, per trasferimenti a valle dei centri urbani meglio collegati con le principali vie di comunicazione. Un ulteriore motivo di non occupazione con un incidenza del 27,2% è quello denominato “vacanza”, intendendo per quest’ultimo l’utilizzazione di alcune abitazioni da parte di emigrati in determinati periodi dell’anno. L’abbandono segue in parallelo con l’aumento dei permessi di costruzione in zone libere come dimostra il caso studio di Padula, dove si registra dal 2000 al 2006 un incremento della superficie coperta complessiva di  51.000,00 MQ. Lo studio evidenzia come i Comuni non attenendosi ad una programmazione comprensoriale stanno adoperando uno sviluppo del territorio in maniera indipendente ed autonoma, con gravi conseguenze per il paesaggio e i segni identitari e rurali delle Comunità.

 

La seconda pubblicazione, a cura di Salvatore Medici, inquadra quelli che rappresentano i programmi di recupero dei centri storici in ottica di ospitalità diffusa, avviati nel Vallo di Diano. Si tratta di un tipo di ospitalità che esalta le eticità di un luogo in cui il turista è a stretto contatto con la comunità locale. Sono presentati ed esaminati i quattro interventi già avviati: Borghi Autentici d’Italia (Teggiano, Casalbuono). Ospitalità da favola (Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano), Borgo Serrone (Comune di S. Arsenio), Compagnia dei Parchi. La seconda parte invece propone nuovi modelli di utilizzazione del patrimonio edilizio, ideati nel Vallo di Diano, che oltre all’ospitalità considerano nuove attività economiche: il Centro Commerciale Naturale” di Sala Consilina, ed Ergameron Work Village per l’artigianato. Lo studio manifesta le eccessive lungaggini amministrative, che hanno portato ad un netto rallentamento dei progetti ed evidenzia la necessità di puntare al turismo come attività complementare ad altre, come il commercio, l’artigianato e l’agricoltura.   




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro