Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Venerdì, 20 Settembre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Banda Larga: Parla Pasquale Persico: Un progetto nato dal basso


08-12-2006

Banda larga nel Cilento e Vallo di Diano. Un’idea che sembra suscitare sconcerto proprio per il territorio prescelto per far partire un progetto di simile rilevanza tecnologica. Ma come si è giunti a questa risoluzione? A spiegarlo è spiega Pasquale Persico, docente di Economia Politica presso l’Istituto Universitario Navale di Napoli, autore di numerosi contributi di economia del lavoro, di economia industriale e di econometria e responsabile scientifico del Centro di Economia del lavoro e di Politica Economica presso l’Università di Salerno.
D. Ci spieghi, professore...
R. E’ un’idea, un progetto partito direttamente dal basso. Anche perché quand’ero assessore ho lavorato a stretto contatto con l’attuale Ministro Nicolais e pensavamo già allo sviluppo che potevano e dovevano avere le aree montane.
D. Dalla vicinanza intellettuale con il ministro è nata dunque l’idea di far partire progetti pilota per lo sviluppo di tecnologie innovative che potessero dare impulso a territori solitamente ritenuti poco convenienti dagli investitori. Ed a sollecitare i cento comuni del Parco del Cilento e del Vallo di Diano ad unirsi per proporre l’idea al Ministro è stato proprio lei, veroprofessore Persico?
R. Sono stato redattore del piano socio-economico del Cilento e quindi ne ho studiato a fondo le potenzialità di sviluppo. Così ho fatto leva sugli amministratori locali e su quelli delle comunità Montane perché si unissero e dessero forza al progetto. L’idea fondamentale era quella di far partire in Italia esperienze nuove in comunità montane dove le attività non potevano svilupparsi per la mancanza di determinati standards. Basti un esempio sciocco di un turista che si informi della possibilità di connettività wireless prima di decidere di venire in vacanza nel Cilento e che abbandoni poi l’idea perché si troverà isolato.
D. Quindi ha funzionato la concertazione?
R. Esatto. Del resto perché non sperimentare in Italia modalità diverse per usufruire di determinati servizi come avviene già da oltre vent’anni in Canada oppure in Finlandia. Si può attuare il monitoraggio ambientale, studiare le biodiversità, insomma organizzare data base di comunicazione per i quali sono necessarie queste tecnologie.
D. E gli investitori?
R. Sulla notizia è nata l’aspettativa e l’interesse. Ad esempio l’Ericsson ha già fatto sapere che è interessata alla realizzazione del progetto, anche se dovesse farlo a costi zero. I gestori, dunque, si stanno movendo per calibrare l’intervento. Questo perché sanno che se c’è l’intenzione di un Ministro a far decollare il progetto sarà più facile ottenere autorizzazioni, velocizzare i tempi, dimezzare i costi d’investimento ed anche, eventualmente, ottenere risorse pubbliche
D. Alcune di queste trasmissioni possono viaggiare via radio. Ma come fare con le frequenze?
R. Il Ministro si è già impegnato a svincolare alcune frequenze che, come si sa, finora erano di esclusivo utilizzo dell’esercito e quindi, molte aziende, pur avendo la tecnologia necessaria hanno potuto sperimentare alcuni protocolli di trasmissione solo nei laboratori o in piccole aree di loro proprietà. Questo costituisce un ulteriore fattore di interesse per gli investitori.
s. b.



Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro