Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Giovedì, 19 Settembre
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Parco Nazionale: il Codacons "La giusta discussione e l'imminente campagna elettorale"


20-03-2015

In questi ultimi tempi sta prendendo corpo un proficuo dibattito sull’utilità dell’istituzione dell’Ente Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano ed Alburni. La stampa locale ha dedicato il giusto spazio alle varie legittime posizioni sulla questione. Inoltre, non è difficile comprendere (senza pur tuttavia condividere) una crescente voglia di fuoriuscire dall’Ente, così come proposto da alcune amministrazioni locali. E questo proprio in coincidenza delle imminenti elezioni regionali. Non vorremmo, tuttavia, che temi scottanti quali la riapertura del Tribunale di Sala Consilina e il ripristino del traffico sulla linea ferroviaria Sicignano-Lagonegro fossero considerati come “passati di moda” e che, per raccattare preferenze, si stia pensando di trovare spunti “innovativi” per fare propaganda elettorale. Noi vogliamo invece credere che il dibattito sia autentico, perché è un dato di fatto che l’istituzione del Parco Nazionale non ha dato e non sta dando i frutti sperati. E veniamo a considerare alcuni aspetti.
Per prima cosa, consideriamo la problematica legata al sovrannumero dei cinghiali nel Parco Nazionale. Il problema esiste, anche se va ridimensionato nella sua entità. Infatti, se dovessimo credere alle cifre circolanti, dovremmo pensare che la densità di popolazione di questi suini arriverebbe a cifre incredibili quali una decina di capi per ettaro. Questa cifra non potrebbe essere veritiera, in quanto l’ISTITUTO NAZIONALE PER LA FAUNA SELVATICA stima la popolazione dei cinghiali in Italia pari a circa 500.000 unità, con una densità che localmente supera i 3-5 capi ogni 100 ettari solo in rari casi. Pertanto, pur non negando che bisogna trovare una soluzione al problema della crescita incontrollata della popolazione dei cinghiali nel Parco Nazionale, pensiamo che necessita prima comprendere più a fondo quale sia l’attuale densità di popolazione di questi animali all’interno dell’intera zona protetta.
In secondo luogo, vorremmo dire che si è giunti al punto in cui è necessario rivisitare le regole e la struttura stessa dell’Ente, per il rilancio del territorio compreso e adiacente al perimetro del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano ed Alburni. La nostra sede Codacons, in questo caso, sceglie la strada propositiva, affinché si possano individuare alcuni punti fondamentali, sui quali non bisogna più mancare di agire, invece di indulgere nella “sterile protesta” (quante volte queste parole sono state rivolte a noi?) che alcune amministrazioni stanno mettendo impropriamente in atto.
• Bisognerà innanzitutto rivedere la gestione del Parco, sdoppiando l’Ente in una zona costiera con sede a Vallo della Lucania ed una zona montana con sede nel Vallo di Diano. Questa semplice operazione dovrebbe permettere di accedere a tutti i finanziamenti che vengono destinati alle aree protette in modo più puntuale, contribuendo ad avvicinare (anziché mettere in contrapposizione) due territori difformi per orografia e cultura, che non hanno mai goduto di unità socio-politica.
• Bisognerà sapientemente reintrodurre l’uomo e le proprie attività, visti come parte integrante di un territorio protetto, nel perimetro stesso del Parco, con l’eliminazione di alcuni lacciuoli burocratici (alcune deroghe potrebbero essere previste per specifiche attività eco-compatibili), rendendo però, allo stesso tempo, il territorio realmente “protetto” da trivelle, cementificazione selvaggia, sversamenti abusivi e discariche.
• Bisognerà chiamare la Forestale a cavallo, così come altre volte proposto, per la vigilanza delle aree protette.
• Bisognerà organizzazione vere (ossia non “poco visibili”) strutture didattiche, ludiche e percorsi per “vivere” e studiare la natura nel Parco Nazionale (aree camper, aule didattiche, ostelli, piste “naturali” per sport invernali), affinché il Parco possa essere un’opportunità di crescita socio-economica e non un mero (e a volte solo incomprensibile) vincolo.


Dott. Salvatore Gasparro Codacons
Responsabile del Settore Agricoltura della Sede

Prof. Roberto De Luca
Responsabile della Sede Codacons
 




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004
Contatta Valloweb - E' un progetto by SottoWeb s.r.l. e in collaborazione con ValloEventi.com



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro