Vallo Web - Pagina iniziale portale Vallo di Diano tapparelle
Tapparelle avvolgibili: acquistale online come in fabbrica
Preventivo online
 
 
Home  News  Eventi  Paesi  Chat  Info Utili  Orari bus  Foto 
 
Cerca su Google
 
Sabato, 23 Gennaio
 
Previsioni Meteo Vallo di Diano e Cilento - Provincia di Salerno
 
Imposta come pagina iniziale!
Vegliante Giuseppe
Aggiungi ai tuoi preferiti!
Segnala ValloWeb ad un amico!
 



Lettera Aperta del Presidente dell'Ass San Sebastiano Martire sui recenti fatti dei due parroci di Salvitelle e Caggiano


22-01-2014

Si rappresenta a sua santita’ papa francesco e alle autorita’ religiose in indirizzo non senza rammarico e con dolore quanto di seguito riportato per stigmatizzare il comportamento dei due sacerdoti operanti nella chiesa s. Spirito di salvitelle e delle parrocchie di caggiano (sa): brignone alessandro ( da salerno) e ivan f.miranda zamarriengo ( originario del peru’).
Le comunita’ di caggiano e salvitelle (sa) ricadenti nella diocesi di salerno, sono state per lungo tempo sotto la guida di due illustrti sacerdoti:mons. Domenico di stasio e don vittorio lamattina. Le nostre comunita’ non erano abituate ad avere un radicale ed improvviso cambiamento ritrovandosi in seguito al decreto di mons moretti con un solo sacerdote su due parrocchie ed amministratore della comunita’ di s. Spirito in salvitelle.
Essendo tale la volonta’ del nostro arcivescovo, ci siamo adeguati nel rispetto del magistero della chiesa. Nell’ultimo periodo, nostro malgrado, per fatti inerenti al comportamento a dir poco scorretto dei due sacerdoti in indirizzo le nostre comunita’ sono finite sulla cronaca e sulla stampa nazionale come da rassegna stampa che ad ogni buon fine si allega in copia.
Tali episodi certamente non fanno onore ne’ alle nostre comunita’ ne’ agli stessi sacerdoti i quali, per prima, sono chiamati a fornire esempio di testimonianza, di fede, di tolleranza, di amore e rispetto per l’uomo.
Fino ad oggi non eravamo abituati ad ascoltare da un sacerdote frasi di una gravita’ inaudita, infatti, e’ incredibile che don alessandro in chiesa possa addirittura invocare dio “affinche’ tutti gli uliveti possano seccare” durante la santa messa della domenca per poi essere tempestivamente contestato dal sac lamattina come da rassegna stampa allegata a suffragio della presente.
La frase pronunciata da don alessandro ha fatto molto scalpore procurando nausea e disapprovazione anche a salvitelle (sa) nonche’ sull’intero territtorio del basso tanagro dove viene coltivato l’ulivo, una pianta tramandata a noi dai nostri padri a cui siamo lagati da affetti e ricordi oltre che a rappresentare una valida risorsa per l’economia locale in un momento di crisi.
Ad accrescere negativamente ogni alimetazione sulla stampa ed un diffuso malessere tra la comunita’ ecclesiale, nei giorni scorsi, ci ha pensato il vice di brignone a salvitelle dove si e’ verificato l’ ulteriore e sgradevole episodio subito finito sulla stampa. A salvitelle (sa) il vice parroco ivan f. Miranda zamarriengo di origini peruviane durante la celebrazione della santa messa ha sospeso addiritura la liturgia della novena che annuncia e precede la festivita’ del santo patrono, una devozione a cui i salvitellesi sono particolermente legati, per chiedere ed ottenere che “ fedeli uscissero fuori dalla chiesa”, abbandonando egli stesso la funzione e la chiesa dopo essersi scontrato con una parrocchiana. Entrambi le notizie sono state riportate dalla stampa nazionale e sono rimbalzate su internet e fb procurando enorme scalpore, nausea e disapprovazione nelle nostre comunita’ di persone e famiglie semplici, umili, oneste e laboriose.
Con i precedenti parroci di lunga esperienza pastorale e sociale come don domenico di stasio e don vittorio lamattina ne’ con altri sacerdoti, non si era mai verificato che un parroco dall’altare invocasse maledizioni in chiesa e che un solo fedele venisse messo fuori dalla chiesa durante la celebazione dell’eucaristia.
Sarebbe interessante sapere: dove, come e quando questi parroci hanno studiato teologia….. Quali testi hanno consultato e chi li consiglia…..
Come cristiani possiamo ricordare al prelato come l’ulivo rappresenti il simbolo della pace e come il maestro si ritirera’ egli stesso “ nell’orto degli ulivi per pregare il padre”….
Si evidenzia a sua santita’ che nel mese di ottobre 2013 don alessandro, debitamente invitato, ha desertato una conferenza stampa alla presenza autorevole di mons. Spinillo (vice presidente cei) sul comune di sant’arsenio (sa) dove veniva presentato un progetto sul turismo religioso per istituire un gemellaggio su san sebastiano martire santo patrono di salvitelle e venerato in diverse comunita’ del vallo di diano e degli alburni come in molte diocesi dell’italia centro- sud dove assai diffuso e’ il culto.
Oltre a non partecipare all’iniziativa, il parroco e il vice parroco si preoccupavano di far chiudere addirittura la porta della chiesa all’ingresso del paese lasciando cosi fuori dalla chiesa circa 100 persone partecipanti all’evento di respiro religioso ossia a molti devoti di san sebastiano provenienti con auto storiche da ogni parte della provincia e dalla vicina basilicata per onorare il santo dal doppio martirio.
Maledizioni, sospensioni liturgiche, mettere fuori dalla chiesa e chiudere la porta in faccia ai devoti di san sebastiano martire unitamente ad altre ingresciose situazioni verificatosi nel tempo, offendono la dignita’ dell’uomo e mettono in ridicolo una comunita’ di piccole dimensioni come salvitelle che nel tempo tanto ha dato alla chiesa segnalanodo in questa sede a sua santita ‘ papa francesco e alle autorita’ in indirizzo le molteplici vocazioni di suore e di sacerdoti salvitellesi che hanno servito le nostre comunita’ e il popolo con amore e con devozione.
Si evidenzia altresi’ che il comandamento sancito nel decalogo “ non pronunciare falsa testimonianza innanzi al prossimo” dovrebbe essere rispettat0 in primis dal parroco don alessandro brignone il quale per sfuggire al contollo sul bilancio delle festivita’ ha dichiarato innanazi alle autorita’ inquirenti preposte all’indagine, di “ non sapere che il sig. Carleo giuseppe, chiamato a sottoscrivere quale cassiere il suo bilancio ( titolare di una ditta di ferramenta) ricoprisse la carica di assessore comunale” ed aveva incarico di valenza politica a livello comunale. Ad inchiodare e smentire il giovane sacerdote vi e’ una nota ufficiale prot. N. 2961 del 26.7.2012 acquista al comune ed inviata ad egli stesso nonche’ al cancelliere del vescovo di salerno moretti. Il sacerdote, interrogato dagli inquirenti nel mese di novembre 2012 dimentica, si dimentica evidentemente, che in pubblica assemblea innanzi ad oltre 30 cittadini veniva energicamente contestata proprio la presenza nel comitato dell’assessore carleo perche’ ritenuto incompatibile con la carica di valenza politica a livello comunale.
In dispregio ad ogni norma deontologica il parroco ha fatto orecchio da mercante ed ha preferito la presenza di carleo nel comitato per chiedere sponsorizazzioni ad imprese e ditte che hanno rapporti di pubblico servizio con il comune, ditte ed imprese che unitamente al sindaco di salvitelle oggi rispondono per reati di falso e truffa innanzi al tribunale di lagonegro(pz). Non sappiamo come si comporta a caggiano ma a salvitelle il parroco sono tre anni che in dispergio alle precise norme di diritto canonico non presenta ed affigge al pubblico il bilancio parrocchiale ne’ quello delle festivita’ sulle ricorrenze del santo patrono.il contenuto della presente istanza e’ supportato agli atti da documenti e testimonianze ed e’ dimostrabile a sua santita’ e agli organi in indirzzo ai quali si chiede vivamente l’intervento e di essere ascoltato per riferire su altre ed ingresciose circostanze e sulla presente lettera aperta rivolgendo una preghiera affinche’ dio illunimi i nostri sacerdoti ed allontani sentimenti di odio, di malessere ed allontanti le maledizioni invocate dal parroco e soprattutto illumini e sostenga quanti sono impegnati nel magistero della chiesa nel compito difficile dell’evangelizzazione invitando i parroci ad accogliere insieme a noi le parole di papa francesco che ci richiama alla semplicita’, all’umanita’ e alla tolleranza per proseguire il nostro cammino.si allega rassegna stampa su comportamento anomalo sac. Don alessandro brignone e su vice parroco ivan f miranda zamarriengo ed altra documetazione citata nel testo.con profonde riverenze,in preghiera, genuflette ed ossequia.


Salvitelle, 20.1.2014
il presidente
prof. Pompeo Mario Perretta

 




Accessi al portale
Accessi dal 20 settembre 2004



Box doccia
Acquista il tuo Box Doccia online a prezzo di fabbrica a partire da 54,90 euro